inAgroCalventiano aderisce alla Rete Europea dei Siti Cluniacensi
La Basilica su Federation des Sites Clunisiens
clic sull'immagine per raggiungerci nel sito della Federazione
La Basilica di Santa Maria in Calvenzano inserita nella Strada delle Abbazie _
La Strada delle Abbazie

S. Messe in Basilica: Sabato ore 18.00 Domenica ore 9.00, 11.00 e 18.00. Mezz'ora prima delle celebrazioni la visita alla Basilica è sospesa.

Home

 Bannire_Ghemme

Una "bannière brodée" anche per il sito cluniacense di Santa Maria in Calvenzano a Vizzolo Predabissi. Perchè no? L'iniziativa è stata lanciata domenica 28 giugno scorso, nel contesto della Festa-sagra di via Garibaldi, e dopo l'estate vedremo se andrà in porto, anzi in stendardo. Sostanzialmente si tratta di realizzare uno stendardo ("bannière" significa proprio questo) ricamato a mano ("brodée") con la tecnica del punto croce e poi di assemblare l'intero lavoro in una "insegna", una sorta di gonfalone, composto da quaranta quadri distinti. I quadri sono disposti su file di 4 x 10 e risultano tutti collegati a simbologie medievali o locali, connesse con l'universo di Cluny e del mondo monastico ad esso collegato. Realizzare una "bannière" da quaranta soggetti non è affatto una cosa semplice, e non la può certamente cucire una ricamatrice sola.
A Vizzolo, in occasione della festa del 28 giugno scorso, è stata accettata l'adesione volontaria di 35 donne vizzolesi che si sono fatte avanti per... essere della causa. La prima "bannière" contemporanea, o neomedievale se vogliamo, è stata assemblata nel 2010 in occasione della grande festa per il primo millennio dello fondazione dell'abbazia di Cluny, nel 909 d.C.. L'idea era stata di Marie Jeanne Lambert, soprintendente ai beni architettonici della regione francese del Jura. In Italia, una "bannière" l'hanno due siti piemontesi aderenti alla FESC, Federazione europea dei siti cluniacensi: Carpignano Sesia e Ghemme, tutti due in provincia di Novara. Tutti i soggetti scelti per l'"arazzo" moderno devono ripetere la forma seriale della rosace, cioè del fiore cluniacense a dieci petali che figura anche sulla facciata della nostra chiesa di Santa Maria in Calvenzano. I due simboli-base della bannière, che aprono e chiudono le dieci fila di quattro emblemi, sono le "rosaces" universali dell'ordine di Cluny: quella col simbolo apostolico dei Santi Protettori Pietro e Paolo e quella con  l'iride dei colori corrispondenti alle dieci "province" del mondo cluniacense medievale, e alle dieci strade che portano o partono da Cluny. Per gli altri 36 simboli... spazio alla fantasia! Anche a Vizzolo.
(e.d.)

Progetto_Bannire_Brode

 

Calvenzano_portale_Totale

Si comunica che domenica 28 giugno 2015 sono terminate le aperture (sabato) e le visite guidate (domenica) della chiesa di Santa Maria in Calvenzano in Vizzolo Predabissi (Milano) per la stagione 2014/15. 

Durante i mesi di luglio e agosto la chiesa sarà aperta secondo il calendario parrocchiale, esclusivamente per le funzioni liturgiche e le esigenze di culto. Le visite e le aperture riprenderanno in autunno; per contatti e ulteriori informazioni si vedano i riferimenti dell'associazione culturale "In agro Calventiano" (vedi box notizie flash).

Interno_Calvenzano_2_2

 

 

  Calvenzano_totale_estate

 Questa chiesa è stata costruita nel Medio Evo, fra la conclusione dell'XI secolo e la prima meta' del XII, dai monaci di Cluny. Ma, ciò che noi vediamo, copre altre due chiese che sono state costruite prima. In questo luogo esisteva dall'epoca tardo antica una piccola cappella detta “cella memoriae”, che ricordava il luogo della morte o la tomba di un martire: è stata scoperta nel corso degli scavi effettuati dal 1994 al 1996, ed è datata, secondo gli studiosi, al IV secolo. E’ stata ritrovata una piccola chiesa che era orientata a ovest, e non a est, come tutte le chiese a partire dal VI secolo, e come era già in uso nella Chiesa d’Oriente.

Nel corso del IX secolo, sulla precedente “cella memoriae”, è stata costruita una chiesa leggermente piu' grande, ma con l’abside a est. Questa, che è stata dedicata a Santa Maria, apparteneva, con i territori circostanti, a dei vassalli dell’Arcivescovo di Milano; è stato ritrovato il documento che attesta la donazione della Chiesa di Santa Maria all’Abbazia di Cluny. I monaci arrivano e decidono di costruire una chiesa per la loro comunità, composta da pochi individui di sesso maschile.

Calvenzano_Abside_semplice

  

 
News
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi123
mod_vvisit_counterIeri185
mod_vvisit_counterQuesta settimana1324
mod_vvisit_counterLa scorsa settimana1135
mod_vvisit_counterQuesto mese1176
mod_vvisit_counterIl mese scorso5363
mod_vvisit_counterDal 20 luglio 2013133668

We have: 2 guests online
Il tuo IP: 54.198.157.195
 , 
Oggi: Lug 05, 2015